Stampa questa pagina

Meditazione del 20 maggio 2019

"Il quale è stato dato a causa delle nostre offese ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione." (Romani 4:25)

LA GIUSTIFICAZIONE

La giustificazione è l'atto mediante il quale Cristo dichiara il peccatore ravveduto, giusto ed accetto dinanzi a Dio, mediante il perdono dei peccati che Egli ha portato sulla croce. La giustificazione è gratuita, vale a dire totalmente immeritata. Essa è tuttavia valida ed efficace poiché Dio non passa semplicemente un colpo di spugna sui nostri peccati rinnegando la Sua originaria legge, in quanto è soddisfatta in Gesù Cristo, che l'ha perfettamente adempiuta ed ha subito per noi l'intera condanna. Gesù ci giustifica mediante il Suo sangue e la Sua grazia, è ricevuta per fede. È un atto sovrano di Dio che, in Cristo, ci ha chiamati, giustificati e glorificati. Il peccatore accusato dalla legge, da Satana e dalla sua coscienza, viene non soltanto liberato dal castigo del Giudice Supremo: è dichiarato giusto, e i suoi peccati sono resi più bianchi della neve. Non v'è per lui più nessuna condanna, poiché Dio lo vede in Cristo, rivestito della giustizia perfetta del Suo Divino Figliolo.