Stampa questa pagina

Meditazione del 06 dicembre 2018

"Non ti meravigliare se ti ho detto: "Bisogna che nasciate di nuovo". Il vento soffia dove vuole, e tu ne odi il rumore, ma non sai né da dove viene né dove va; così è di chiunque è nato dallo spirito." (Giovanni 3:7,8)

FINALMENTE LIBERI!

Queste parole pronunciate da Gesù, sono rivolte a Nicodemo, uno dei capi dei Giudei. Un personaggio importante, eppure egli vuole incontrare il Signore di notte! Si, perché aveva paura del giudizio della sua gente, ma aveva dentro di se delle domande a cui non sapeva dare risposta, così si rivolse a Gesù. Il Signore non lo mandò via, tutt'altro, ammaestrò Nicodemo intorno alla nuova nascita, perché lo amava e voleva salvarlo. Se anche noi, esaminandoci, riscontriamo che alle volte diamo più peso a quello che può pensare la gente, rispetto alla nostra fede in Cristo, chiediamo perdono al Signore ed Egli ci ristabilirà e ci renderà liberi. Si, proprio così, senza più esser legati solo alle cose materiali, sospinti e guidati dallo Spirito Santo, sapendo per fede che il Signore si prenderà cura di noi in ogni circostanza. Ma affinché ciò possa accadere, deve succedere qualcosa dentro di noi, bisogna nascere di nuovo, cioè dobbiamo spalancare il nostro cuore e permettere allo Spirito di Dio di operare una reale conversione e quindi essere una creatura completamente rigenerata, appunto una nuova creatura, finalmente libera.